PROGETTO AQUILONE

 

 

La Comunità è un ambiente di tipo familiare che crea I presupposti per il raggiungiemnto delle condizioni di atonomia o di rientro in famiglia del minore inserito, nel rispetto del mantenimento delle relazioni con il territorio di provenienza dello stesso.

La comunità non ha nessuna forma di organizzazione scolastica in proprio tutti i monori frequentano la scuola pubblica, nella struttura di territorio di pertinenza della Comunità.

Il minore viene accompagnato a scuola dagli educatori, ad eccezzione dei casi in cui si ritiene opportuno lasciare maggiore autonomia ai ragazzi.

All'interno della Comunità il minore ha a disposizione uno spazio personale che può e deve gestire tenendolo in ordine e pulito; può conservare i propri oggetti personali nella sua camera.

Gli spazi di tempo libero sono occupati da attività scelte autonomamente dagli educatori e dai minori inseriti e sono svolte sia individualmente che in gruppo.

I ritmi della Comunità sono quelli della famiglia. Gli educatori coinvolgono i ragazzi nei lavori casalinghi, in un'ottica di appartenenza, di collaborazione utile ed educativa, anche nella prospettiva del raggiungiemnto dell'autonomia personale.

 

Condividere

l'oggi in vista

del domani

 

Una storia

di solidarietà

nell'amore

nell'accoglienza